img

Il Rebalancing (ribilanciamento), è una tecnica energetica olistica antidolorifica di manipolazione della fascia muscolare (tessuto connettivo) per ritrovare l’integrazione corporea. Il Rebalancing nasce attraverso la combinazione di diverse tecniche corporee e di massaggi, sia occidentali che orientali ed agisce innanzitutto sulla postura corporea. Viene normalmente applicato in 10 sedute di durata variabile, in media di un’ora. Ogni seduta è contemporaneamente una continuazione della precedente ed un’introduzione alla successiva. La cadenza può variare da bisettimanale a settimanale o quindicinale. La serie viene pianificata, in funzione del riallineamento della struttura e dell’equilibrio cinetico, unico per ciascun cliente. Si tratta, innanzitutto, di un processo di educazione attraverso il quale il rebalancer aiuta il cliente a scoprire il modo più efficiente di usare il proprio corpo, compatibilmente con le limitazioni, difficoltà e qualità individuali. Per ogni cliente, quindi, si crea un nuovo piano di sedute seguendo però alcune linee-guida di riferimento obbligatorie. Il rebalancing grazie alla sintesi di massaggio del tessuto connettivo, scioglimento delle articolazioni, tecniche di respirazione e lettura del corpo, aiuta in caso di:

- Stress e stanchezza
- Dolori di schiena
- Stati depressivi
- Nervosismo e irrequietezza
- Dolori dovuti al nervo sciatico
- Dolori delle giunture/ articolazioni
- Emicranea o mal di testa